Le caratteristiche di un materasso ergonomico di qualità

Sono creati per migliorare la qualità del sonno: stiamo parlando del materasso ergonomico, in grado di accogliere perfettamente tutte le nostre forme e fornire il sostegno migliore al corpo durante il riposo, migliorando il benessere durante le ore notturne. 

Durante il sonno infatti i muscoli che sostengono la colonna vertebrale devono essere in grado di rilassarsi e il sistema circolatorio deve essere in grado di garantire ossigenazione adeguata a tutti i tessuti.

Un materasso troppo morbido non sorregge in modo adeguato il corpo e si finisce per dormire con effetto “amaca”. Un materasso troppo rigido non apporta alcun beneficio, anzi compromette la qualità del sonno. Il materasso ergonomico quindi è un materasso che asseconda le curve fisiologiche della colonna vertebrale e offre un sostegno punto per punto. Questa tipologia aiuta anche a riposare meglio se si soffre di lombalgia, discopatia o ernia del disco.

Il materasso ottimale per ogni singolo individuo deve fare in modo che ogni singola vertebra della colonna assuma la sua posizione ottimale naturale senza essere costretta ad essere sottoposta a compressioni evitando così problemi di circolazione sanguigna, contratture muscolari, costringendo tra le varie cose a continui risvegli notturni per voltare cercando la posizione ottimale.

 Vediamo insieme quali sono le caratteristiche di un materasso ergonomico e come sceglierlo.

materasso ergonomico in memory lecce

Caratteristiche materassi ergonomici

Lo strato interno del materasso è realizzato con una lastra indeformabile, che accogli la colonna vertebrale permettendole di stendersi e di rilassarsi durante le ore notturne. Il peso viene distribuito su tutta l’area di appoggio, evitando la formazione di zone di pressione e soprattutto scongiurando dannose flessioni della colonna vertebrale.

Altre caratteristiche, utili soprattutto per soffre di allergia alla polvere o ha problemi di asma è il trattamento anti-acaro e anti-batterico.

Permette una

  • distribuzione omogenea del peso corporeo sull’intera superficie del materasso
  • riduzione di formazione di “zone di pressione” tra il corpo e la superficie del materasso (queste possono causare formicolii e intorpidimenti)
  • presenza di zone differenziate in corrispondenza delle differenti zone del corpo, per accogliere al meglio ognuna di esse e garantire il sostegno più adatto
  • capacità di accogliere il corpo in modo corretto per ogni posizione di riposo
  • qualità termiche dei materiali: traspirazione, freschezza e antiumidità sono alla base di un buon riposo
  • lunga durata delle prestazioni del materasso
  • atossicità di tutti i materiali che compongono il materasso

Come scegliere il materasso ergonomico

In vendita esistono tanti tipi di materassi. Cerchiamo di fare chiarezza, classificando i materassi in 4 diversi tipi:

Materassi in memory foam: sono realizzati con delle lastre sovrapposte in poliuretano espanso e memory foam, una sostanza viscoelastica che ricorda la deformazione impressa dal nostro corpo. Si crea una nicchia naturale in un cui la schiena viene accolta e può restare ben diritta e rilassata per tutta la notte. Essi sono consigliati per a coloro che amano un materasso un po’ più morbido.

Materassi in lattice: vengono prodotti a partire da una sostanza naturale, il lattice appunto, ricavato dalla resina dell’albero della gomma. Sono traspiranti, elastici e molto resistenti. Costano un po’ in più rispetto agli altri. Sono consigliati a coloro che cercano prodotti naturali di alta qualità.

Materassi a molle insacchettate: delle molle in acciaio all’interno del materasso rendono elastica la struttura offrendo il giusto sostegno per la colonna vertebrale.

Post correlati

Lascia il tuo commento I campi segnati con * sono obbligatori.